MANIFESTO

aEQUUS è un luogo in cui si abbattono le barriere. 

La cooperazione, la solidarietà, la comprensione, e l'unione con gli altri sono i valori fondanti.


Partendo dalla comprensione di se stessi, grazie a corsi come meditazione, yoga e tecniche di respirazione cosciente, miriamo al superamento del sistema competitivo (e dei sentimenti negativi che genera).


Crediamo fortemente nella valorizzazione di ciò che ci accomuna, considerando le nostre differenze come un possibile valore aggiunto. In questo modo intendiamo passare ad un sistema interno cooperativo che favorisca l'aiuto e la comprensione reciproca.




L'obiettivo è di offrire beni e servizi ai cittadini che possano arricchirli sotto molti punti di vista. Compresi vari corsi e workshop che possano aumentarne in modo concreto le competenze. 

Sono previsti infatti corsi di computer grafica, programmazione, fotografia, teatro, sartoria, attività sportive, danza, musica, escursioni in mountain bike, canoa, percorsi naturalisti,  ecc.

I membri dell'associazione saranno incoraggiati a partecipare a più corsi possibili, che saranno tenuti dai membri dell'associazione stessa. Conoscere il mestiere e le competenze degli altri membri potrà senz'altro aiutare nell'obiettivo della comprensione reciproca.

Un obiettivo forse più pragmatico è di fornire beni alimentari di prima qualità, grazie agli orti sociali, in cui si possano applicare i suddetti principi di cooperazione.

Gli orti sociali diventano così oltre ad un incentivo e un incoraggiamento all'autoproduzione anche un'occasione per conoscersi e cooperare, per i membri dell'associazione e per i singoli cittadini.

Sarà possibile per tutti avere un pezzo di terra da seguire, e verranno istituiti banchetti di libero scambio delle derrate tra i partecipanti al progetto.

aequus.La fattoria didattica può essere una delle idee che si sono proposte, perché appunto l’ex galoppatoio militare potrebbe essere riqualificato e tornare a splendere grazie ad un progetto legato alle vecchie giumente che non possono più correre, prendendosene cura e potendo sviluppare attività per bambini e ragazzi di tutte le età legate al mondo animale. “Equus” appunto in latino è il cavallo, da qui l’evidenza nel nome.

Importanti saranno anche i mercatini del baratto, dove le persone e i membri dell'associazione potranno scambiare i loro beni autoprodotti, tra loro e con l'associazione stessa.

Noi crediamo che la cooperazione possa generare comprensione tra le persone, e che la comprensione possa portare all'unione tra le stesse. Questo è il vero obiettivo ultimo dell'associazione.

Fondamentale inoltre sarà la cura e la rigenerazione degli spazi verdi e interni dell'ex galoppatoio del Meisino, grazie a progetti architettonici di professionisti.

L'associazione cercherà di rendersi indipendente, il prima possibile, dal punto di vista alimentare e energetico (con fonti rinnovabili) e monetario.

aEQUUS promuove tutto ciò che può considerarsi costruttivo e open-mind, tenendo sempre conto dell’aiuto, del confronto e della comprensione degli altri. Lo schema a cerchio deve essere sempre punto fondamentale per essere considerato equo, pari, come il nome stesso dell’assoluzione fa intuire: infatti “aequus” in latino significa orizzontale, pari, uguale, favorevole, vantaggioso, opportuno, propenso, benigno, giusto, equo, retto, imparziale, sereno, tranquillo, moderato, quieto, calmo, paziente.

Perché appunto l’obiettivo e il fondamento coincidono e si eguagliano in questi valori, nel significato stesso del nome in questione: aEQUUS è un luogo dove i punti di vista di persone consapevoli si incontrano per raggiungere obiettivi condivisi.

L'associazione si propone di portare avanti tutte le sue attività con una modalità del tutto e propositiva e positiva, evitando gli antagonismi, le polemiche e le diatribe politiche, di qualsiasi natura esse siano.

Uno spazio in cui i progetti che tutti vorremmo vedere realizzati si concrettivo